Il serpente e la rosa

il serpente e la rosa fronte

Titolo: Il serpente e la rosa
Autore: Lisa Laffi
Editore: I Doni Delle Muse
ISBN: 978-88-99167-12-7
Pagine: 330
Prezzo: 14 euro

DALLA QUARTA DI COPERTINA
Quando Bianca Riario è costretta ad abbandonare Roma per ritirarsi nella residenza di Forlì, è ormai rassegnata a un ruolo di secondo piano all’ombra della madre, Caterina Sforza. Guidata dallo storico Leone Cobelli, apprenderà tuttavia la complessità delle relazioni politiche che coinvolgono la sua famiglia, fino a comprendere il tradimento che si sta consumando ai danni del Serpente degli Sforza e della Rosa dei Riario. Unico indizio nelle sue mani, alcune quartine dal significato oscuro che parlano di complotti, in anni in cui è sempre più difficile distinguere alleati e nemici. Tra congiure e lotte per mantenere il potere, Bianca e Caterina tengono tra le mani le sorti della Romagna anche quando ogni speranza sembra vana.

DAL ROMANZO
Quegli occhi screziati d’oro non mi abbandonano un istante. Sembrano seguirmi lungo tutta la stanza, studiano ogni mia mossa e paiono in grado di leggere nel mio animo. Il collo della donna che mi osserva malinconica è lungo, elegante e mi ricorda quello di uno dei cigni del nostro giardino, ma sono le mani ad attirare la mia attenzione. Sono bianche, le dita lunghe e affusolate stringono una rosa. Una rosa canina. Per un attimo mi sembra che emani profumo, ma non è possibile.
Chi l’ha creata era un genio, ma non era Dio. La rosa e i gelsomini sono un’illusione sulla tela, così come la donna che li stringe dolcemente tra le dita. Sono il simbolo di un’epoca che sta scomparendo.
Mi avvicino a piccoli passi e le tocco il volto. «Hai davvero mantenuto la tua promessa» sussurro. La donna mi guarda. Non può sentirmi o forse sa che non sto parlando a lei, ma a qualcuno che ormai non può più udirmi. «Pensavo che tu non potessi morire mai, ma eri un uomo. Gli uomini diventano polvere e tu non fai eccezione. Sarà grazie alla tua arte che tu e io vivremo per sempre».
Continuo a fissare il quadro, tocco le pennellate invisibili con una mano mentre con l’altra non riesco a evitare di accartocciare la lettera che mi è appena arrivata dalla Francia. Quando il messaggero mi ha comunicato che proveniva da Amboise non ho capito immediatamente, ma mi è bastato scorgere la calligrafia di Salai per iniziare a tremare.
«Cattive notizie da Milano?». La voce di Costanza, la maggiore delle mie figlie, mi riscuote. Tra le sue mani stringe rose canine e gelsomini. Come la donna del quadro. La somiglianza tra le due è grande, se non per il sorriso.
«No, piccola mia. Non da Milano, ma da Amboise, in Francia».
Il suo sguardo interrogativo lascia il posto a un’occhiata malinconica. Se non avesse appena posto i fiori in un vaso accanto al quadro e vestisse abiti fiorentini, sarebbe identica alla dama che ci osserva in silenzio dall’alto.
«Siete voi, vero?» chiede con voce pacata. Sta cercando di infondermi una tranquillità che ho perso da quando ho ricevuto quella maledetta lettera. «A volte, quando siete assente, mi siedo qui davanti a lei e le parlo. Le somigliate così tanto e mi sembra così viva che mi pare di essere davvero con voi. È come se foste tra questo mondo e l’altro. L’uomo che l’ha realizzata era a un passo da Dio».
«Ora è lì con lui e il mondo ha probabilmente perso il più grande pittore di tutti i tempi. Questa tela è opera del maestro Leonardo. Sei giorni fa è morto in Francia, alla corte di re Francesco, l’ultimo signore che ha saputo capirne la grandezza».
«Leonardo?». I suoi grandi occhi mi guardano sorpresi. «Voi conoscevate il grande Leonardo? Mi volete far credere che vi fece dono di un suo quadro?». La pacatezza nella voce di Costanza è scomparsa. In pochi istanti riconosco la sua curiosità e il suo desiderio di avere risposte.
«Mi regalò questo quadro, sì, e anche molto di più».
«Cosa?» chiede incuriosita.
Non rispondo, non ce la faccio. Mi guarda eccitata e piena di aspettative per qualche istante, poi, quando vede che nulla esce dalle mie labbra, inizia a toccare le mani lunghe, aggraziate e sottili della Dama. Così l’avevano sempre chiamata in famiglia i bambini, senza osare mai avvicinarsi. In quel momento, invece, Costanza sta sfiorando la rosa canina. Il simbolo dei Riario.
Non so nemmeno io perché lo faccio, ma le scosto bruscamente le dita dalla tela. «L’immortalità. Leonardo ha donato a me e a mia madre l’immortalità. E se vuoi sapere come due giovani donne, dopo avere perso un signoria, ricchezze e onori, conquistarono il dono più grande, devi solo chiedermelo e io te lo racconterò. Non c’è nulla che io non ricordi di quegli anni».
Costanza si siede a terra e sfodera il suo enigmatico sorriso. Lo stesso che vedevo sul volto di Caterina Sforza, mia madre, nei momenti più difficili della sua esistenza.
«Sono pronta, raccontatemi».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...